Regione ROMAGNA

La Romagna esiste, ma non c’è la Regione.  Dagli anni Novanta, dopo la caduta del muro di Berlino nelle fiere si vedono gazebo dove si raccolgono le firme per il Referendum allo scopo di sentire un parere della gente per una Regione autonoma dall’Emilia, ma ancora non si è visto alcun risultato. Durante le consultazioni elettorali, alcuni partiti sembrano favorevoli alla Regione Romagna, ma poi, finite le elezioni non si sentono parlare più di nulla. In Italia ci sono venti regioni, alcune sono state unite ad altre senza sentire il parere dei cittadini.

L’Articolo 132 della Costituzione della Repubblica italiana, così recita:

1. Si può, con Legge Costituzionale, sentiti i Consigli regionali, disporre la fusione di Regioni esistenti o la creazione di nuove Regioni con un minimo di un milione d’abitanti, quando ne facciano richiesta  tanti Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate, e la proposta sia approvata con Referendum  dalla maggioranza delle popolazioni stesse.

2.  Si può, con l’approvazione della maggioranza delle popolazioni della Provincia o delle Province interessate e del Comune o dei Comuni interessati espressa mediante referendum e con legge della Repubblica, sentiti i Consigli regionali, consentire che Province e Comuni, che ne facciano richiesta, siano staccati da una Regione ed aggregati ad un’altra.

Gli abitanti di questa zona, superano il milione, ma la Regione Romagna, i comunisti emiliani non la vogliono per motivi economici. L’Emilia è opportunista e pensa a se, mentre la Romagna è stata abbandonata a se stessa come il Meridione per l’Italia. La Romagna serve solo, quando si va a votare per fare vincere le elezioni a quella casta. Fanno finta di non capire e per loro il problema non esiste, perchè è più importante la logica di partito della volontà popolare. E’ tipico dei comunisti che hanno governato l’Emilia dal dopoguerra in poi, prendere decisioni senza ascoltare il parere dei cittadini, comportamento ereditato dalla vecchia Unione Sovietica. Uno degli ultimi esempi della tipica ideologia comunista, è la costruzione della Moschea a Ravenna, (sic!) unico monumento costruito dopo di quelli bizantini e l’architettura pubblica di Mussolini Benito. Non fanno niente per la gente del posto, ma costruiscono le chiese per gli stranieri, oppure fanno lavori inutili per favorire le Cooperative, altro fenomeno sovietico. Le amministrazioni locali in queste due regioni sono sempre state di sinistra e la gente del luogo è convinta che sia quella giusta. Non si possono addebitare tutte le colpe all’Emilia, se in Romagna ci sono stati degli amministratori incapaci di fare le cose. In Emilia sono anche più attivi e aperti e le moschee lì, cercano di non farle.

La caduta del muro di Berlino, ha svelato la falsità dell’ideologia comunista, durante il regime, i popoli vivono nella miseria e i capi partiti invece sono ricchi. In Italia, specialmente in Emilia continuano ad inseguire la logica e l’organizzazione del partito sovietico.  Qualcuno ha capito che la vecchia classe politica comunista deve essere “rottamata”, ma non è ascoltato.

 Ogni investimento e struttura, è fatto in Emilia. A Bologna è stato costruito uno snodo stradale tra i più importanti d’Italia e continuamente si costruiscono strade. In Romagna le strade sono disastrate e piene di buchi e spesso sono causa d’incidenti stradali.  A Bologna sono state costruite fabbriche lungo il Reno e sugli Appennini. Nelle altre province dell’Emilia, moderne città industriali.  Per le fabbriche collocate lungo il fiume, il Reno è il più inquinato d’Italia.  In Romagna non è mai stato progettato alcun piano industriale. C’è un poco di vecchia industria a Ravenna che risale agli anni Sessanta e che procura tumori nella fascia di popolazione limitrofa. Con la scusa della crisi, in Romagna le fabbriche le lasciano chiudere, senza fare niente. Ultimamente, a Bologna, avevano tanti soldi che hanno pensato di comprare dalla Fiat gli autobus a “lettura ottica”, con la guida al centro. Per fare circolare questi autobus, devono rifare tutte le strade di Bologna. Va ricordato che questi autobus, in Europa e in America non li hanno voluti, perché non li hanno trovati funzionali. A Bologna, buttano i soldi dalla finestra. Sono stati per un anno senza sindaco che si è dimesso a causa del “bunga bunga” con la segretaria. Le donne emiliane andavano con i capi comunisti fin dai tempi di Togliatti. In Emilia, ci sono le più antiche università d’Europa. Ai tempi di Napoleone, anche a Cesena c’era l’Università, ma la fecero chiudere, perché creava concorrenza a quella di Bologna. In Romagna, ci hanno sempre lasciato senza Università. Hanno aperto alcune filiali dell’Università di Bologna nel 1997, perché temevano che ai tempi d’Internet si frequentassero on-line le Università d’altre città. Le Cooperative di consumo sono tutte Emiliane e servono per sfruttare ulteriormente il territorio: fanno spendere i soldi della busta paga degli operai e quasi la metà dei prodotti è d’origine cinese, dove la gente lavora anche per un euro l’ora.

La Regione Romagna, è formata da tre Province e mezzo: Fortlì-Cesena, Ravenna, Rimini e una parte di Provincia di Bologna. In Provincia di Bologna, c’è la Romagna bolognese, composta dai comuni d’Imola e Castel San Pietro.  I due Comuni in Provincia di Bologna, sono più progrediti rispetto a quelli delle altre province. Fino a poco tempo fa, non c’erano disoccupati. Gli abitanti della Provincia di Rimini, hanno costruito una struttura turistica, seconda al mondo come numero d’alberghi. Questo settore offre lavoro per soli tre mesi l’anno e questo tipo di lavoro si può considerare precario. Nello stesso tempo hanno sviluppato il settore fieristico e congressuale e quello commerciale e artigiano. Rimini è la città più commerciale della Romagna che favorisce la piccola impresa. Nella Provincia di Forlì-Cesena è predominante il settore agro alimentare e commerciale. Con la produzione di frutta e ortaggi, ci sono tanti magazzini di frutta e la esportano in Germania e nei paesi dell’Europa settentrionale, dove la frutta non matura. Qui c’è la fiera Macfrut, importante per il settore agro alimentare. Cesena è la città, fra quelle di Romagna dove è stato costruito il maggior numero di strade. Questa città è il centro della Romagna e se sarà realizzata la Regione Romagna, è la più adatta ad essere capoluogo di Regione. A Forlì, ci sono piccole imprese artigiane. A Ravenna c’è l’industria chimica che sporca e inquina, ma c’è anche un ambiente naturalistico e le pinete. Ravenna è patrimonio dell’Umanità per i monumenti dell’arte Bizantina che sono rimasti fra i meglio conservati al mondo, ma con l’oro d’oriente dei mosaici e le chiese, non hanno saputo incrementare il turismo che ci dovrebbe essere per tutto l’anno. Il tempo si è fermato all’epoca Bizantina, dall’arte statica, senza prospettiva e profondità. In sostanza, l’arte rispecchia il volto di questa città che rimane isolata dal resto della Romagna e dell’Italia. Il porto, è l’unico mezzo di comunicazione importante per le merci delle zone limitrofe. A Marina di Ravenna, hanno chiuso quasi tutti gli alberghi. Una Cooperativa, ha costruito il porto turistico per le barche, poi è fallita. Invece degli alberghi, preferiscono le barche. Gli edifici che sono stati costruiti, sono molto brutti, in primo piano c’è il capannone per la riparazione delle barche che è un vero orrore!

Si fa fatica a capire come in un paesaggio del genere, si è potuto costruire questo schifo di cemento per la manutenzione delle barche che si poteva fare anche da un’altra parte.

La Provincia di Ravenna, ha le strade più disastrate di tutta la Romagna. La città di Ravenna è un dormitorio d’impiegati e operai al servizio dell’industria chimica. Si favorisce il lavoro dipendente e le cooperative. Nel faentino è predominante il settore agricolo, Lugo e Russi sono i Comuni più commerciali della provincia di Ravenna.  La Romagna, se fosse stata territorio della Lombardia, non sarebbe in queste condizioni. Lì, i treni arrivano anche sulle montagne ed è la regione più ricca e produttiva d’Italia. L’Emilia è simile alla Lombardia, la Regione Romagna al meridione.

Tags: , , , , , , , ,

2 Responses a “Regione ROMAGNA”

  1. [...] la buccia di limone grattugiata, ma io non la metto. La forma, è un altro nome che è dato in Romagna al Parmigiano. Questa è una ricetta che troviamo anche nel famoso libro di cucina di Pellegrino [...]

  2. [...] cucina tradizionale, in Romagna, è semplice e povera, in seguito, vedremo qualche ricetta, ma è molto calorica e ricca di grassi: [...]

Lascia un commento